Koego, la web analytics per i blogger

I blog oramai esistono da molti anni. Correva l’anno 1997 quando lo statunitense Jorn Barger apriva al mondo il suo primo “diario” dove condivideva con gli altri le ricerche riguardo la sua forte passione per la caccia.

In questi dieci anni i blog si sono evoluti; abbiamo conosciuto molti modi di condividere le nostre passioni e i nostri pensieri con il mondo.

Costruirsi un blog oramai è divenuta una cosa semplice. Esistono strumenti come WordPress che aiutano l’utente a gestire i propri post evolvendo così il “blogging” in vero e proprio contenitore di idee.

Ma c’è una cosa che esiste da quando esistono i blog. I servizi di statistica!

Come possiamo dimenticare servizi come shynistat o histat che già da 10 anni affiancano gli utenti vogliosi di aumentare le performance dei propri “diari digitali”.

Il problema di questi servizi è che al contrario dei blog sono sempre rimasti molto simili a come sono sempre stati. Non hanno mai seguito a pieno lo sviluppo delle nuove tecnologie e le nuove opportunità che offriva il web.

Ad ovviare a questo problema oggi voglio segnalarvi per appunto Koego. Continua a leggere

Windows7 – Modalità God (Dio)

Questa modalità è utile a utenti esperti per entrare in cartelle particolari di windows 7 in modo tale da poter modificare o impostare funzioni avanzate del sistema.

In realtà nulla di nuovo (o poco più) è presente in queste cartelle che non sia già presente nel pannello di controllo. Diciamo pure che questo è solo un modo per avere tutte le informazioni utili a Amministratori di rete o Sviluppatori in una sola cartella virtuale.
Questo metodo è valido anche per Windows Vista ma a volte crea un crash del sistema.

Semplicemente basta creare una cartella sul desktop (ma anche in qualsiasi altro percorso) che chiameremo con il seguente nome:

GodMode.{ED7BA470-8E54-465E-825C-99712043E01C}

La cartella assumerà una nuova icona ed al suo interno troveremo dei link (divisi per categoria) con i quali è possibile accedere alle funzioni descritte:

Continua a leggere

La Formula Segreta di Google?

Vi riporto qua l’articolo scritto sul blog di Fabrizio Ciacchi. Dato che nell’articolo si fa riferimento all’amico con cui ha fatto tutte queste prove…beh, lascio a voi indovinare chi sia quest’amico :)

Un po’ di tempo fa con un amico stavamo cercando il modo di rapportare e comparare il famoso Pagerank di Google con un altro famoso ranking, quello di Alexa. Il problema se si vuole valutare un sito, infatti, è innanzitutto portare i valori su una metrica comune e poi fare la classica media matematica.

Per chi non fosse pratico con i due tipi di rank esposti sopra, il Google Pagerank è un valore da 0 a 10, essenzialmente basato sul numero di link che un sito riceve dagli altri siti (detto in parole povere, se il tuo sito è linkato hai un pagerank più alto), mentre l’Alexa Rank si basa su i campioni di dati ricevuti dalla loro toolbar (installabile sui principali browser) e stila una classificain base al numero di click fatti sui vari siti. L’Alexa Rank ha quindi un valore che va da 1 (il sito di yahoo) a qualche milione (i siti come questo). Continua a leggere

31 Tips & Tricks per utilizzare al meglio la ricerca di Google

Parlare di Google significa oramai parlare del web.
Un database immenso di informazioni a cui possiamo accedere quando vogliamo e come vogliamo.

Molti sanno effettuare una ricerca su Google ma ben pochi sanno utilizzare propriamente gli strumenti che ci mette a disposizione per arricchire e raffinare le nostre ricerche.

Di seguito vi elenco una serie di funzionalità avanzate per cercare su Google.

(Nel seguente elenco terrò di conto che voi abbiate un account di Google e che vi sia autenticati sulla piattaforma):

1. L’Advanced Search

Il miglior modo di effettuare una ricerca avanzata su google è proprio quello di cliccare sull’apposito pulsante situato alla destra del box di ricerca (dopo il pulsante “cerca”) :)

2. Cercare esattamente una frase

Utilizzando le virgolette (“) possiamo cercare su google una frase così come la stiamo scrivendo

Esempio

Continua a leggere